Come lupi in mezzo alle pecore

Un selvaggio colpì un compagno con un sasso, e poi chiese perdono.

Non avrebbe mai creduto che un pezzo di Spirito potesse far male.


Lo Spirito non ha più valore della Materia.

Chi oppone lo Spirito alla Materia danneggia l’espansione della Coscienza.

Ci viene detto che la Materia è una condensazione dello Spirito ma, per un uomo che vive in una grande città nel 2018, con un’immaginazione stratificata e attraversata da migliaia di informazioni ogni giorno, non è semplice percepire la propria interiorità come origine di ciò che sperimenta all'esterno. E' una prova costante, istante dopo istante, per TUTTI coloro che svolgono un lavoro su di sé.


Ci chiediamo spesso come conciliare la nostra vita spirituale a quella quotidiana, poiché le due cose sembrano stridere se fatte coincidere. Dobbiamo tenere a mente che questi due elementi della realtà si compenetrano l’un l’altro, ma nessuno dei due può essere considerato inferiore, poiché senza uno l’altro non avrebbe scopo di esistere.


Quando ho iniziato a interessarmi di spiritualità, l’impulso da cui originava questo

interesse era il rifiuto totale del mondo per come lo vedevo allora. Nulla mi piaceva e nulla mi interessava, avevo bisogno di trovare qualcosa di diverso da quello che mi propinavano a scuola, in famiglia, in televisione, etc …

Mi ricordo di alcuni momenti di quel periodo, attimi fondamentali in cui trovavo e sentivo ciò che mi mancava: questo accadeva solo al cospetto della Natura e in totale solitudine. Facevo lunghissime camminate in riva al mare o verso le cime delle colline fuori dalla città dove vivevo, alla ricerca di luoghi silenziosi che richiamavano la mia attenzione dall'interno, permettendomi di sentire intimamente il significato delle correnti del vento, il valore del profumo di un fiore, la bellezza e la magnificenza di un panorama mozzafiato.


Connessione, cercavo questo.

Volevo sentirmi parte di un Tutto, qualcosa di vasto con un suo sistema di comunicazione intelligente, fatto di linguaggi non prestabiliti e che andasse oltre il mio intelletto, permettendomi di Sentire la Vita dentro di me.

Non riuscivo a sentire di poter trovare le risposte che cercavo in una società che sembrava andare a una velocità incontrollata, mentre dentro avevo il bisogno di misurare ogni passo e percepirne tutto il senso, per incastrarlo in un Senso più grande.


Oggi, col senno di poi, sarebbe stato davvero di grande aiuto se qualcuno -per esempio i miei insegnanti a scuola- mi avesse aiutato a comprendere che tutto quello che vedevo era espressione dello Spirito, che non esisteva separazione tra me e gli altri, che persino i soldi e il sesso sono energia in movimento utile a creare nella Materia, che non hanno valenza "negativa o positiva" ma assumono la forma che tu decidi loro di dare.

Crescere con questa consapevolezza fa la vera differenza.

La ribellione che si innesca durante l’adolescenza è sempre stata considerata una tappa fondamentale dello sviluppo dei ragazzi. Durante questa fase evolutiva, sentire la rabbia nel corpo ci aiuta a creare la nostra identità; avvertendo finalmente un impulso di attrito col mondo circostante riusciamo a percepirci come individui, a tracciare dei confini e a usare le nostre forze per impedire a qualcuno di oltrepassarli.

Come potrebbe crescere un individuo in una società che lo rende consapevole delle dinamiche tra interno ed esterno, educandolo ad integrare la saggezza dello Spirito nella concretezza nella Materia?


La percezione dei due mondi, interiore ed esteriore, come realtà connesse che si

influenzano a vicenda, è uno stato di coscienza a cui l’uomo deve anelare con forza estrema. Essere sospinti con una certa urgenza a Sentire nella propria carne che l'esperienza nel mondo esteriore è subordinata alla struttura della propria interiorità, trovando il modo di vivere la Materia consapevoli della sua simmetria con lo Spirito.


A scuola, così come in politica, nella religione, nel rapporto col proprio corpo e le modalità di cura propinate dalla Sanità Pubblica, andrebbero applicate Leggi create da esseri consapevoli della totalità dell'Essere Umano, liberandosi da ogni arroganza nei confronti di ciò che ancora non si conosce.



Ecco, io vi mando come lupi in mezzo alle pecore,

scartate i vili e portatemi solo coloro che hanno sentito il Tocco."

Draco Daatson, Il Regno del Fuoco

Daniela


PROSSIMI APPUNTAMENTI:

TORINO - Sabato 20 Gennaio 2018

Cerchio delle Donne

info e iscrizione (obbligatoria): info@danielacastellani.it

link evento fb: https://www.facebook.com/events/1537791179653269/

MILANO - Domenica 21 Gennaio 2018

Cerchio delle Donne

info e iscrizione (obbligatoria): animeenuvole@gmail.com

link evento fb: https://www.facebook.com/events/163732281024157/

BOLOGNA - Sabato 27 Gennaio 2018

Cerchio delle Donne

info e iscrizione (obbligatoria): silviasignora@gmail.com

link evento fb: https://www.facebook.com/events/1627545507305724/


Post recenti
Archivio
Seguimi su
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square

© 2018 by Daniela Castellani. Proudly created with Wix.com

Italia - Contacts: info@danielacastellani.it